La ragazza piange disperata perché “condannata” a dover intraprendere un lavoro come tutti gli altri