A Dublino il fronte del sì festeggia per strada la vittoria al referendum per la legalizzazione dei matrimoni omosessuali. Una festa cominciata a spoglio ancora in corso vista la valanga di sì piovuta nelle urne, tanto che i sostenitori del no hanno ammesso la sconfitta ben prima dei risultati ufficiali. Un voto storico in un Paese molto cattolico, in cui l’omosessualità è stata illegale fino al 1993 e l’aborto lo è tuttora.