Lega Ambiente, WWF e Greenpeace chiedono un cambio di marcia in vista dell’incontro al Consiglio europeo della presidenza italiana, ridefinendo obiettivi ambiziosi come la riduzione di CO2, politica su fonti rinnovabili ed efficienza energetica.