L’Advertising Standards Authority ha accusato l’attrice e lo sponsor per le scene di sesso esplicito mandate in onda durante la proiezione di un cartone animato