Con la catastrofe bellica sempre più vicina, la NATO si definisce pronta per aumentare la presenza militare nell’Europa Orientale e in Ucraina schierando nuove truppe con cinquemila uomini e ben sei centri di comando.