La bellezza russa appare sulla copertina di ‘Sorbet’ senza veli, tranne che per un serpente gigante fascinosamente posato sul suo corpo.