L’opera di Sabina Guzzanti, a metà tra ricostruzione cinematografica e documentario, tratta dal rapporto intercorso tra rappresentati dello Stato e criminalità mafiosa