Tratto dall’omonimo romanzo di Aldo Nove, il film racconta del viaggio esistenziale del giovane Andrea, che vista la disintegrazione della propria famiglia decide di trasferirsi a Milano.
Qui perseguirà un suicidio metodico attraverso l’ingestione di droghe e psicofarmaci, ma propria nella più cupa disperazione troverà un motivo per tornare a vivere.
Dopo il film dedicato al fumettista Andrea Pazienza Renato De Maria torna con una pellicola difficile e controversa cui partecipano Isabella Ferrari, Andrea Renzi e Iaia Forte.