Quello che è morto non è mai morto per davvero. Parola di Andrea Gandini, giovanissimo scultore della capitale.