Il fenomeno è in genere associato a bambini e adolescenti vittime di coetanei, ma non è sempre così.