La sparatoria di mercoledì 7 gennaio nella redazione della rivista satirica Charlie Hebdo ha aggiunto nuovi nomi alla tragica lista di coloro che hanno pagato il prezzo più alto per esercitare il loro diritto di libertà d’espressione.