Secondo il giornalista Villamil la corruzione che imperversa in Messico è da ritenersi responsabile per la fuga dal carcere del boss della droga.