Uno studio condotto nell’arco di 40 anni ha permesso di comprendere meglio lo sviluppo dei disturbi alimentari sulla popolazione mondiale.