Per la religione shintoista si tratta di una terra sacra e per una particolare motivazione le donne non possono accedervi