Una storia che sa di miracolo ma che invece è solo conseguenza dell’evoluzione della scienza. La protagonista è una 29enne del Canada che grazie alla tecnologia ha sconfitto la sindrome di Stargardt.