Si tratta di Flavia Mancini, ricercatrice all’University College di Londra e autrice principale di uno studio che per la prima volta analizza l’acutezza spaziale. I risultati sono stati pubblicati su ‘Annals of Neurology’.