La Corte suprema del Messico ha dato il permesso a un ristretto gruppo di attivisti di coltivare e fumare marijuana. Una sentenza storica che apre di fatto la strada alla legalizzazione dell’uso della cannabis nel paese centro-americano.Quattro giudici hanno votato a favore e uno contro il progetto di quattro membri della Società messicana per l’uso responsabile e tollerante, il cui acronimo è “Smart”, un gruppo che ha come obiettivo di aprire il dibattito sulla legalizzazione delle droghe leggere, come mezzo per combattere i cartelli della droga.