Il rally di FCA, che si era spinta sui massimi dal 2011 oltre 1uota 11 euro, è terminato dopo il collocamento di nuove azioni a Wall Street a 11 dollari e il lancio del convertendo da 2,87 miliardi di dollari. Queste operazioni, insieme alla quotazione di Ferrari prevista tra il secondo e il terzo trimestre del 2015, permetteranno al Lingotto di rafforzare il patrimonio per oltre 4 miliardi. FCA affronterà con un profilo più solido il 2015, che si preannuncia in miglioramento per il mercato italiano delle quattro ruote. Secondo il Centro Studi Promotor nel prossimo anno le vendite di nuove auto mostreranno un rialzo del 5,5% a 1 milione e 430 mila dopo il +3,9% di quest’anno. Dopo il crollo delle vendite determinato dalla crisi economica, il 2015 sarà quindi il secondo anno in recupero grazie soprattutto alla necessità degli italiani di cambiare il parco auto che è fortemente invecchiato. Nel panorama europeo ha fatto notizia il cambio al vertice in casa Bmw. Dal 13 maggio 2015 alla guida del colosso tedesco salirà Harald Krueger, attuale membro del board con responsabilità alla produzione. Nei primi nove mesi i profitti operativi di Bmw hanno sfiorato i 7 miliardi di euro e, secondo le stime del gruppo, le vendite nel 2014 dovrebbero superare le 1,96 milioni di auto vendute nello scorso anno.