Tratta dal saggio di Massimo Fini, l’opera teatrale riscatta l’imperatore di Roma. Uno dei personaggi storici più malfamati dell’Urbe smette le vesti del pazzo incendiario e si cala nei panni di un uomo schiavo dei sogni di sua madre Agrippina.