La ribellione è iniziata su Twitter con l’hashtag #NotMyPresident ma poi è proseguita nelle principali città americane.