Il comandante provinciale dei carabinieri di Milano Maurizio Stefanizzi spiega il possibile movente che ha portato Carlo Lissi ad assassinare a coltellate la moglie Cristina Omes di 38 anni, la figlia Giulia di 5 anni e mezzo e il figlio Gabriele di 20 mesi nella loro villetta di Motta Visconti nel Milanese.