Si stima che nel Paese asiatico ci siano tra gli 80 e i 300mila individui che soffrono di anomalie sessuali. Esiliati dalla società, vengono disprezzati e maltrattati sia dalla gente comune che dalle autorità.