È uno dei più attivi della Regione: nel 1994 aveva distrutto la città di Rabaul e venerdì 29 agosto è tornato in vita, con un’eruzione che ha messo in allerta le autorità locali.