Andreucci ha affrontato uno degli avversari più temibili: la salita alla cima dell’Etna, il vulcano attivo terrestre più alto d’Europa e anche il più imprevedibile nelle reazioni.