Una partnership con un’azienda cinese e, al tempo stesso, con lo Stato francese. Per il salvataggio di Peugeot, storica casa automobilistica transalpina, va in scena una sorta di “compromesso storico” tra visioni economiche differenti, quasi una “terza via” tra turbocapitalismo e pratiche keynesiane.