Esiste un limite oltre il quale il pensiero dell’accoppiamento non rientra più nella normalità