Dopo i disordini sociali scatenatisi prima, durante e dopo gli ultimi mondiali di calcio le autorità brasiliane vogliono ora fare le cose per bene.