Sette giorni di proiezioni, 43 anteprime internazionali, 2 mondiali, 6 italiane, 21 i Paesi rappresentati: si presenta così la nuova edizione del Romafictionfest, la prima diretta da Carlo Freccero, che si terrà dal 13 al 19 settembre. La parte del leone la faranno le grandi serie americane, dall’anteprima di “True detective”, premiata con 2 Emmy, a “House of cards”, con i due primi episodi della seconda serie, all’anteprima di “Fargo”, ispirata al capolavoro dei fratelli Coen, a “The fall”, thriller psicologico con Gilliam Anderson e “The walking dead”.

Come ogni anno l’evento si terrà a cavallo tra la Mostra del Cinema di Venezia e il Festival di Roma, preannunciandosi come uno dei momenti più attesi da parte del pubblico di affezionati alla televisione. Partirà sabato 13 settembre e si concluderà venerdì 19 nella suggestiva cornice dell’Auditorium Parco della Musica.

Affiancato da Marco Follini, presidente dell’APT, l’associazione produttori televisivi, che ha parlato della drastica riduzione dei costi del Festival (da 7 a 1.6 milioni di euro dal 2011 ad oggi), Freccero ha presentato in linea generale i 7 giorni di proiezioni che saranno dedicati a 44 anteprime internazionali, 6 italiane, 21 Paesi rappresentati e un totale di 7.265 minuti di proiezione complessivi.

Durante la conferenza stampa, Freccero si è chiesto, con un pizzico di provocazione:

”Perché oggi il povero Don Matteo batte i talk show? Perché di fronte alle complessità e l’incertezza di oggi, uno si rifugia nella provincia dove le contraddizioni si ricompongono”.