Un’inchiesta avviata a Torino rivela come il made in Italy non sia sempre sinonimo di prelibatezza. Nemmeno in cucina.