Ecco tre modi per (forse) smascherare i curiosoni