Il film di Ava DuVernay, singolarmente snobbato agli Oscar ricostruisce un celebre episodio della storia della lotta dei diritti civili degli afroamericani, quello delle marce dalla cittadina di Selma a Montgomery. Ritratto di un inedito e umanissimo Martin Luther King, il film è stato lodato anche per il modo in cui mette in scena l’incontro-scontro tra il Reverendo e il Presidente degli Stati Uniti, Lyndon Johnson, un momento che avrebbe cambiato per sempre la storia del Paese.