La pesante e decisa entrata in scena della Russia nella crisi siriana ha impresso nuovo vigore alle iniziative internazionali per cercare di risolvere il conflitto e tarpare le ali alla diffusione dell’Isis in Medioriente. Mosca e Washington hanno deciso di convocare urgenti colloqui sul piano militare per evitare il rischio di quanto mai pericolosi confronti tra le loro forze impegnate in bombardamenti aerei.Dopo che la Russia ha lanciato i primi attacchi in Siria, sconvolta da una feroce guerra civileiniziata nel marzo 2011 che ha causato in quattro anni oltre 200mila vittime, il segretario di Stato statunitense John Kerry e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si sono incontrati a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Nell’incontro sono state esaminate le modalità e le opzioni per trovare una soluzione alla crisi mentre Kerry e Lavrov hanno dichiarato l’intenzione di comunicare militarmente per ridurre il rischio di possibili incidenti sullo stesso teatro di guerra.