Terrore al Palazzo di Giustizia di Milano, dove in un’aula del tribunale sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco che avrebbero provocato tre morti (una quarta persona sarebbe morta a seguito di un malore) e alcuni feriti, stando alle prime notizie che provengono dal luogo e le dichiarazioni del presidente della Corte d’Apello di Milano Giovanni Canzio.

Il responsabile sarebbe Claudio Giardiello, imputato in un processo con l’accusa di bancarotta fraudolenta nel caso del fallimento della società immobiliare Magenta Srl. Stando ai testimoni e agli avvocati presenti in aula l’uomo avrebbe utilizzato la pistola dopo la rinuncia al mandato da parte del suo difensore.