L’Italia deve introdurre il riconoscimento legale per le unioni tra persone dello stesso sesso. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito all’unanimità che l’Italia viola la Convenzione europea dei diritti umani, non tutelando i diritti delle coppie omosessuali. Secondo i giudici di Strasburgo l’Italia non rispetta l’articolo 8 della Convenzione, relativo al rispetto della vita privata e familiare, perchè nel suo ordinamento non prevede alcun tipo di riconoscimento legale per le coppie gay.