Secondo il Rapporto Svimez 2015 (Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno), il Sud Italia sarebbe a rischio sottosviluppo permanente. Desertificazione industriale, assenza di risorse umane imprenditoriali e finanziarie.. tutte queste componenti potrebbero trasformare quella che sinora è stata una crisi ciclica in un sottosviluppo permanete e perenne.

Non solo: nel frattempo continua a crollare anche il numero di chi ha un’occupazione. Attualmente sarebbero in 5,8 milioni. il livello più basso che il Sud Italia abbia mai fatto registrare dal 1977. A pagare di più, in tutta questa situazione, sarebbero poi donne e giovani, che incontrano maggiori difficoltà.