Il governo thailandese ha dichiarato lo stato di emergenza dopo due mesi di protesta. Le elezioni sono previste il prossimo 2 febbraio, ma i manifestanti chiedono le dimissioni immediate della premier. L’incertezza politica allontana agli investitori e mette il Paese a rischio default.