Il regista israeliano Ariel Vromen mette in scena la storia vera di Richard Kuklinski, un killer della mafia afflitto da una sindrome di dissociazione della personalità: imperturbabile e letale nelle sue mansioni criminali, Richard è però nel privato è un capofamiglia amorevole e presente.