In Russia vive il 95% degli esemplari del tipo siberiano, che negli anni ’40 rischiava di scomparire. Un’associazione sta facendo moltissimo per la salvaguardia della specie, ma i bracconieri non si danno per vinti.