Alexis Tsipras, durante il primo Consiglio dei ministri, ha detto che il suo governo di “salvezza nazionale” non auspica una “rottura disastrosa” con i partner della Grecia, ma vuole mettere fine a “una politica di sottomissione”