A Donetsk, tra scontri e povertà, c’è anche chi si sacrifica e decide di lavorare gratis per il bene del Paese.