Le persone affette da questa condizione congenita, molto comune in alcune zone dell’Africa Subsahariana, sono vittime di violenze e persecuzione.