Rappresentanti delle Nazioni Unite si sono aggiunti alle comunità indigene nella lotta per fermare le pratiche che tormentano donne e ragazze nel Paese africano.