Ultimo capitolo di un’ideale trilogia sulla condizione umana, i cui due precedenti capitoli sono Du Levande e Songs from the Second Floor, il film di Roy Andersson mette in scena le vicende di  due poveri venditori di scherzi e articoli umoristici, che attraversano vari ambienti nell’indifferenza più totale.