L’Agenzia Spaziale Europea, grazie alla sonda Gaia, è riuscita a calcolare il movimento delle stelle della nostra galassia indietro nel tempo. Ma nuovi dati in arrivo riveleranno qualcosa di ancora più straordinario…