I sostenitori del NO hanno trascorso tutta la notte a brindare per l’esito del referendum in Grecia.  Ma le banche rimangono chiuse, e le trattative con i creditori si fanno ora più tese. Controlli di capitali rimangono,  e altre scadenze dei debiti non sono finite, anzi sono imminenti.