Il celebre barrio che prende il nome dal capoluogo siciliano ospita da tempo una delle più importanti comunità di profughi della popolazione asiatica scampata al genocidio del 1915.