Attraverso una microcamera piazzata in una stanza di un hotel extralusso del centro di Milano, i carabinieri hanno documentato la consegna di una tranche di 90mila euro pattuiti per non diffondere un presunto “video compromettente” con protagonista Lapo Elkann.