Dalla Canalis a Pieraccioni, da Gasparri a Facchinetti e Salvini: tutti usano la Rete per dire la loro, per farsi vedere, per ottenere apprezzamenti. Ma cosa si nasconde dietro l’uso (e l’abuso) delle più famose piazze virtuali?