Ad annunciarlo è Google, che nel 2006 ha rilevato il sito per la condivisione video per 1,65 miliardi di dollari. Al tempo, spiega Business Insider, «l’acquisto era sembrato folle», ma «a posteriori fu piuttosto intelligente»